Seguendo le analisi precedenti per quello che riguarda i due cambi principali del forex, EURUSD e GBPUSD, sappiamo bene che nei prossimi giorni dovremmo assistere alla ripresa di euro e sterlina almeno nel tentativo di iniziare una correzione. Conosciamo bene le situazioni di lungo periodo che vedono un solido e robusto trend rialzista per il cable mentre l’euro già da tempo ha invertito la rotta spostando la propria tendenza a ribasso. I due cambi sembrano quindi non correlati e di fatto è così, ma il tempo e soprattutto il ritmo per quello che riguarda la formazione di minimi ü abbastanza regolare e simile tra i due major e questa potrebbe risultare un’indicazione preziosa, almeno per quello che riguarda l’intraday.

In primo luogo abbiamo un drastico crollo di volatilità con i prezzi fermi già da ieri in venti pips circa per l’euro e trentacinque per la sterlina. Come individuato negli articoli precedenti le contrattazioni hanno raggiunto buoni livelli di medio e lungo periodo e il fattore tempo rafforza le indicazioni long. Questi range potranno quindi essere sfruttati nel momento della loro possibile rottura confermata che salvo imprevisti avverrà a rialzo:

EURUSD

29 lug

GBPUSD

29 lug b

I primi interventi in acquisto potrebbero avvenire poco sopra a 1.7000 sul cable e a 1.3440 per l’euro scegliendo il metodo della rottura o meglio ancora il rimbalzo dopo un forte e deciso break out. Non prima, poichè nonostante tutto non siamo ancora in fasi long e l’analisi di lungo periodo non basta a giustificare un ingresso in intraday. Questo è proprio il momento in cui non si deve forzare la mano e anticipare. Da evitare, almeno per il momento, eventuali rotture giornaliere a ribasso.

Lucas