L’Indice RAPI.-RapNet Diamond Index segnala una discesa dei prezzi dei diamanti anche in luglio.
In 7 mesi la pietra da un carato,certificata,ha perso in dollari il 2,5% mentre la pietra da 3 carati ha limitato la discesa all’1,3%.
Su base mensile risulta anche in discesa la pietra da 0,3 carati (-3,5%) che pero’ risulta ancora in salita del 3,5% rispetto all’inizio dell’anno.
Quanto sopra stride con le buone notizie giunte dagli USA che mostrano una ascesa del 9% delle vendite di gioielleria.
la debolezza,temporanea, dei prezzi delle pietre e’ imputabile alla calma che regna in Cina ed al difficile momento attraversato dall’India. La rupia scivola giorno dopo giorno toccando minimi annuali a ripetizione. Il Governo interviene ponendo dazi pesanti del 10% su taluni preziosi,come oro e argento, e tutta l’attivita’ ne risente
Agosto ha pero’ visto un consistente rimbalzo,finora fino a $ 1380 del prezzo dell’oro. Tale ascesa ha ovviamente coinvolto anche gli altri tre metalli preziosi quotati. L’argento ha messo a segno il migliore rimbalzo.
Gli osservatori del mercato dei diamanti sono curiosi di vedere se tale fiammata ha spinto taluni investitori anche sui brillanti.Attendono percio’ con interesse i dati da RAPAPORT che saranno comunicati all’inizio di settembre per vedere se la lunga estate tranquilla (forse troppo tranquilla)sul mercato diamantifero e’ finita.