Nessun cambiamento per quanto riguarda la Banca Centrale Australiana che ha mantenuto il costo del denaro al 2,5% e che non ha cambiato nulla nel proprio wording continuando sulla linea espressa durante l’ultima riunione.

Il pensiero che continuamente ci viene trasmesso da Stevens and company è quello della svalutazione del dollaro Australiano, in modo che si possa raggiungere una crescita bilanciata dell’economia. Ci aspettavamo una reazione più decisa che non c’è stata e quindi attendiamo il da farsi.

Oggi pausa per quanto riguarda notizie market mover, domani il Canada.

Guardiamo la situazione di AUD/CAD:

audcaddaily

Importante discesa  iniziata dall’11 aprile e terminata i primi di agosto con un rintracciamento fino a toccare il 50% di Fibonacci, successivamente ha ripreso nuovamente il suo trend ribassista.

Ora abbiamo il rimbalzato sul bel livello 0.9592 che rimane comunque un minimo relativo importante del precedente swing, aspettiamo quindi il nostro pattern per entrare short.

Se il prezzo dovesse superare al rialzo il livello  0.9740 e ritestarlo attenzione: potrebbe essere un sintomo rialzista.

Aspettiamo comunque la possibilità di entrata short che rotto lo 0.9595 ci porterebbe ad una certa tranquillità perché poi il prezzo potrebbe partire fino a livello 0.9354 come primo step e quindi un ottimo risk reward.

Buon Trading!