Il Cot report di venerdì ha evidenziato un aumento delle posizioni speculative rialziste su molte commodities agricole. Spiccano, tra le soft, il caffè (3500 contratti) e lo zucchero (+2000 contratti). Quasi stabili le posizioni sul cotone (+440). Tra le granaglie aumentano di 11.000 contratti i long sul corn e di 12.000 quelli sul wheat di Chicago, mentre i money manager riducono l’esposizione sulla soia.
Nessun movimento di rilievo sull’intero comparto nella mattinata europea, e anche l’inizio della giornata di contrattazione degli operatori Usa è tranquillo.

Alle 18.00 italiane, ci si confronterà con il report Usda sulle scorte finali per il raccolto 2013/14 , ma soprattutto con le intenzione di semina degli agricoltori Usa.  I risultati attesi sono stati pubblicati qui la scorsa settimana e statisticamente ci si aspettano movimenti che faranno sicuramente aumentare la volatilità, in concomitanza con l’uscita dei dati ufficiali.

In particolare, oltre agli spread intermarket come corn/wheat (in questo momento poco sopra quota -200), suggerisco di controllare i principali calendar spread old/new crop, che potrebbero nei prossimi giorni dare soddisfazioni, se si innescheranno dei trend ben definiti.

Ad esempio wheat , corn e cotton dicembre/luglio,   oppure soybeans  novembre/luglio.

Appuntamento a più tardi per l’esame a caldo dei risultati e delle principali reazioni dei mercati.

Visita www.commoditiestrading.it