L’approccio degli analisti fondamentali e degli analisti tecnici è molto diverso: i primi studiano i fattori sottostanti che guidano i prezzi, ricercano le cause economiche che ne determinano l’evoluzione, mentre i secondi indagano gli effetti degli eventi economici esclusivamente in termini di prezzi, quotazioni, rapporti di cambio ecc.. Il compito degli analisti fondamentali è di determinare il “vero valore” di un bene. Questi ultimi “cercano di rimanere immuni dall’ottimismo e pessimismo della folla” e ritengono che il mercato sia per il 90% logico e solo per il 10% psicologico, a differenza dei tecnici che sono convinti dell’esatto contrario. Infatti, l’analisi fondamentale è finalizzata più alla “previsione” che all’“imitazione” del comportamento della massa degli operatori.

Compiti dell’analista fondamentale

Sostanzialmente l’analista fondamentale cerca di cogliere vantaggiose opportunità di investimento sulla base dello studio di dati di carattere economico. Si supponga di voler prevedere il futuro andamento dei prezzi di una materia prima, o delle quotazioni di un titolo azionario, o di un rapporto di cambio. Le finalità dei due tipi di analisi, pur complementari, sono diverse. Per quanto riguarda l’analisi fondamentale, se l’oggetto di indagine è una materia prima, gli studi si focalizzano sull’osservazione della domanda (consumo) e dell’offerta (produzione), sull’individuazione dei cicli produttivi e sul compimento di indagini di mercato.

Se le previsioni riguardano l’andamento futuro dei prezzi di un titolo azionario, l’analisi concerne la situazione patrimoniale, economica e finanziaria della società al fine di riuscire a stimarne la redditività futura.

Se, infine, l’analisi viene compiuta su un rapporto di cambio, essa consiste nel raccogliere informazioni sulle variabili macroeconomiche dei paesi oggetto di interesse quali: il saldo della Bilancia dei pagamenti, il livello di inflazione interna ecc.

Quindi, gli analisti fondamentali cercano di prevedere quali variabili economiche influenzano il livello dei prezzi e se, in base ad esse, il corrente livello dei prezzi è “congruo” alla realtà dei fatti. In pratica, essi stabiliscono se il mercato in quel momento ha visto giusto, o se si è sbagliato nel quotare il valore di un bene mobiliare.

 PER SAPERNE DI PIU’ DELL’ANALISI FONDAMENTALE CLICCA QUI >>