Sui giornali stamattina esce l’apertura di Bersani al 5 stelle.

Vedremo la reazione dei mercati fra un paio d’ore (sono le 6 al momento).

Una cosa che era prevedibile, i commenti di “ingovernabilita’” di ieri dei giornalisti ieri mi han fatto pensare a quando da bambino c’era al governo il pentapartito.

Mi han fatto riflettere anche sul fatto che ultimamente ci sono solo decreti leggi e non leggi approvate.

Lo scenario attuale e’ un consolidamento fra 14.800 e 16.800 in range largo. anche se non mi aspetto di vedere il bottom

Per la scadenza di venerdi’ la mean reversion dell’ultimomovimento e’ in area 16.200 che potrebbe essere zona di settlement in vista di manovre del weekend.

Resistenza del Fib a 15.800 confermata, sopra troviamo 16.200 (16.150/16.200 zona chiusura gap del future marzo di venerdi).

Volatilità ancora in tensione con salita del marzo sopra 30% ed esplosione del giugno che sale di 3 4% ieri su timori di allungamento di una soluzione.

Ghiotta occasione di shortare un bund in area 145 magari a mezzo risk reversals scadenza 24 marzo (consegnano il future giugno, quindi scontano una basis di 184 punti, controllate prezzi contro giugno o considerate che 145 equivale a 143.16 sul forward e il RR esce decorosamente con 142/144.50 come strikes.

In sicilia esiste gia un governo PD/ 5stelle locale, e il modello portato a Roma non sarebbe un eresia.

In quel caso, la distensione farebbe risalire velocemente i corsi del BTP e di conseguenza i titoli bancari, veri protagonisti della discesa dell’indice delle scorse sedute