In realtà non è che mi interessi molto finire “in testa” ai motori di ricerca,  mi interessa, invece, che tutti voi troviate subito gli scritti didattici tra le innumerevoli analisi che posto. Ecco spiegato il titolo!

Come ripeto sempre durante i miei (pochi) seminari vi sono dei “momenti topici” di mercato, momenti nei quali se Ugo è alto faro’ maggiore attenzione a quando potrebbe arrivare segnale down e, nel caso opposto, quando Ugo è basso la mia attenzione sarà per eventuali segnali up.

Ecco spiegato perchè oggi ho deciso di analizzare il cambio euro/usd.

Come al solito, per primo, vi mettero’ il grafico del Trading System.
Lo scopo è quello di farvi notare che sia il TS che Ugo stanno dicendo la medesima cosa.
TS short, piu’ o meno da questi valori, muterebbe la propria posizione da short a long a superamento di area 1.3025. Per ora il raggiungimento della seconda deviazione standard ha bloccato ulteriori deprezzamento della valuta europea.
La linea rossa che rappresenta il cambio trend è dinamica, non dimenticatelo.

Ugo:
su base daily è ampiamente sotto area 20 (linea verde sull’oscillatore), anche se Ugo sta cercando di intersecare al rialzo, vi rammento che sino a quando non supererà la linea di iper-venduto, il movimento andrà interpretato soltanto come un semplice rimbalzo tecnico.
Oltretutto, notate come le tre EMA fungono da tappo, almeno per ora, a qualsiasi tentativo di rialzo di euro.

Su base weekly: decisamente interessante! Ecco perchè ripeto sempre ” cercate conferme su frame superiori “ a cio’ che vedete su frame piu’ bassi.
Le EMA a bloccare rialzi con Ugo decisamente altino e che sta tentando di fornire segnale down, ossia a favore di dollaro americano.
Allo stato attuale soltanto il recupero di quota 1.30 mi farebbe optare per un movimento pro euro.

Come al solito….. vedremo! ;)

That’s it!