Oramai dovreste averlo capito, amo analizzare cio’ che altri al momento, forse, non guardano.

Quindi, poichè nulla è mutato sui mercati finanziari dal mio ultimo scritto http://finanza.leonardo.it/berlusconi-e-la-crisi-di-governo-non-centrano/  di cui vi aggiorno un grafico soltanto senza mettere nemmeno una parola di commento.

Londra:

london

Ma veniamo agli argomenti di questo editoriale: Btp, Euro, Gold.

Btp:

Onestamente io tutta questa euforia non la vedo. Ugo è ancora positivo ma si sta appiattendo con i prezzi che, al momento, non riescono a superare al rialzo il massimo di settembre a quota 112.39. Una discesa delle quotazioni e aumento, quindi, dei rendimenti potrebbe fare si’ che il nostro Amico intersechi al ribasso.  Scendere verso area 111 è davvero un attimo e la tenuta di tale livello è davvero importante per scongiurare ulteriori ribassi.

btp

Euro:

anche qui il grafico parla da solo.

Il mancato superamento di area 1.36 rende possibile un ritorno (almeno) verso la ema verde ora a quota 1.3415. E poi? E poi li’ valuteremo Ugo.

eur

Gold:

Ho deciso di postarvelo per il forte movimento al ribasso di ieri: oltre il 4%.

Debole, ancora debole.  Prezzi al di sotto delle due ema verde e gialla e Ugo ancora impostato al ribasso. Attenzione alla tenuta della linea tratteggiata rossa, se persa possibile ritorno verso i minimi di luglio. Il trend muterebbe a favore di Oro soltanto quando la ema rossa verrà intersecata al rialzo. Sino ad allora, ogni movimento al rialzo è da intendersi come fisiologici rimbalzi tecnici.

gold