Siamo arrivati ad un livello molto interessante di mercato.

La quota 1400 / 7000 / 15000 (sp dax fib) e’ stata testata e bucata non di tantissimo.

Le cifre tonde che hanno sempre attratto i mercati si sonoripresentate tutte insieme.

Da una parte sta tornando la ragione, con una Facebook che sta andando verso lo zero (80% e piu’ degli utili e’ fatto da pubblicità percepita sempre meno efficace dagli acquirenti e molesta da parte degli utenti, dall’altra parte una serie di aziende specie europee che fanno regolarmente utile e riprendono a salire dopo essere state depresse in modo feroce nel valore di borsa.

Il barometro europeo del Vstoxx è passato dal 28 al 21% di pari passo e anche in america tutto rientra.

I bond italiani hanno raggiunto un primo obiettivo in quota 101/102 (ricordoc he il nostro obiettivo sul decennale e’ un rendimento del 5/5.25% per un rendimento del 2% over inflation e che in area 104/105 di btp future consideriamo arrivato il contratto italiano.

La BCE pare come dicevamo concentrarsi sui tassi a breve per permettere ai governi di finanziarsi e ci riesce.

Tutto pare perfetto ma…. non sono ancora presenti cambiamenti strutturali. Ora la borsa dopo l’overshot sta salendo per speraqnze di miglioramento futuro, i massimi raggiunti da SP500 paiono poco giustificati.

Sull’ europa restano ombre che per quanto meno dense impediscono di vedere un futuro roseo.

A questo punto è il momento del take profit e di attendersi un mercato laterale fra 14.800 e 15.800 per il prossimo periodo.

Come era poco sensato andare sotto 13.000 anche rompere a rialzo è ingiustificato al momento.

La fase laterale leggermente in salita potrebbe proseguire fino alla scadenza tecnica settembre.

Dopodomani scadono le opzioni sul Bund e pare che il livello tecnico sia posizionato fra 141.5 e 142.00.

Una scadenza bond in quella zona corrisponde ad un fib fra 15.000 e 15.400 con le correlazioni attuali.

In attesa delle decisioni tedesche (sempre che arrivino in tempo) stiamo scontando volatilità.

Un buon indicatore sono le bollinger bands in questo periodo, per vedere quando la volatilità espandera’ nuovamente e la direzione che prenderà il mercato sul breakout.