La chiusura della scorsa settimana è stata caratterizzata da un flusso di acquisti sul biglietto verde con l’aumento di volatilità che ha portato euro e sterlina in primis a perdere molto terreno. Come spesso succede, il prezzo sale con tecnica e armonia per poi scendere senza meccanismi. Un crollo deciso che ha sfondato uno dopo l’altro i livelli di supporto che erano stati ben consolidati nella fase di salita. Soprattutto per quello che riguarda l’eurodollaro:

intraday eurusd

Nel grafico orario si nota benissimo. I livelli segnati sono quelli costruiti dal prezzo nel trend rialzista che ha portato il cambio vicino alla soglia di 1.3900 con impegno e costanza. Lavoro poi azzerato dal crollo di fine settimana che ha riportato la moneta unica nella zona di 1.3500.

Come operare dunque? Come impostare delle strategie dopo un crollo cosi determinato capace di spazzare via ogni possibile supporto? Gli strumenti utili, ancora una volta, sono l’analisi del trend e la ricerca dei livelli SR.

Su eurodollaro intraday il carattere è obbligatoriamente ribassista ma ci troviamo adesso sul miglior supporto possibile. Quindi da qui è opportuno aspettare e vedere se il prezzo proverà una nuova scalata verso 1.3900. Il via libera per gli ingressi in acquisto potrebbe essere la riconquista del prezzo della ema21 a livello orario, con attenzione pero’ ai livelli di SR tracciati. Un tentativo di rialzo è anche “chiamato” dalla pin long formatasi durante la notte.

Se 1.3474 non dovesse invece reggere, ecco che avremmo allora nuove possibilità short almeno fino a 1.3400 figura. Da analisi cicliche e livelli daily pero’ adesso sembrano esserci i presupposti per ripartenze dei prezzi, anche sul cable.

Staremo a vedere, le strategie sono impostate. Non resta che seguire.

Lucas