Situazione delicata per la valuta europea, respinta piu’ volte, nelle scorse giornate, dalla resistenza posta in area 1.2775, valore al di sopra del quale il Trading System muterebbe la propria posizione da short a long. Importante, nelle prossime giornate, che area 1.25-1.2480 si dimostri un valido supporto poichè la perdita di questi valori sancirebbe una nuova debolezza per l’euro con possibilità di discesa con target 1.24 e 1.2288 ( minimo registrato il 1° giugno). Situazione delicata anche per l’oscillatore che sono solita monitorare: si trova poco al di sopra di area 50, la perdita di quota 1.2480, con buona probabilità, fornirebbe segnale di uscita dalla moneta unica a favore di quella americana.