Con buona pace di Nietsche che dichiarava

Non esistono fatti , ma solo interpretazioni,

I fatti esistono, e che separarli dalle opinioni personali o dall’onda lunga dell’emozionalità fa la differenza.

Le borse sono oggettivamente sottovalutate rispetto agli utili passati, sono anche sottovalutate rispetto ad una caduta degli utili futuri di oltre 30% da parte delle aziende (coi modelli usati negli ultimi decenni).

Le aziende che creano valore sono quindi una ghiotta occasione di acquisto se non perdono oltre quelle quote del fatturato (difficile per un ENEL smettere di vendere energia elettrica fra parentesi).

Il cambio Euro per ora e’ entrato in un range più basso fra 1.35 e 1.3750 dal 1.40 / 1.4250 precedente.

Fra acquisti da parte di fondi sovrani Cinesi che ci sono o non ci sono a secconda dell’interpretazione, fra Eurobond che vengono proposti ma non piacciono a tutti, malgrado farebbero da proiezioni scendere il costo del finanziamento decennale a. 4%  (qualche paese ci rimette, qualcuno ci guadagna)

Con il presidente americano che chiede una politica comunitaria più coesa sia fiscalmente che economicamente,

Ci sono esternazioni continue a sostegno dell’ Eurozona in quanto a questo punto nessuno ha più convenienza a fare ulteriori pressioni sui prezzi di azioni e bond.

Per contrapposizione, la fiducia degli investitori e’ bassissima e la borsa per quanto rimbalzata ieri e stia proseguendo stamattina in rialzo, e’ volatilissima e ancora non si vedono flussi interessanti in ingresso.

Le banche italiane sono sotto di oltre il 30% sui prezzi di qualche settimana fa e sono prezzate in base al rischio dei BTP detenuti: più sale il rischio italia più scende il loro prezzo.

Il nostro indice composto prevalentemente di azioni legate alla finanza fatica fortemente per le pressioni sullo spread di credito italiano, e se questo rientra ne approfitterà altrettanto fortemente.

Il voto della manovra è in vista, dal lato notizia che può far rilassare (peraltro l’approvazione apre scontata in quanto i numeri per la fiducia ci sono, ma più di tutti conta il grafico:

IL Vstoxx index che misura la volatilità dell’eurostoxx 50 deve scendere almeno sotto 40 per rilassare la tensione e il fib ha come livello superiore  la zona 14.050 e sopra 14.800.

La figura in formazione sul grafico daily è incoraggiante, la candela di ieri è un bel doji rialzista che se confermato in giornata da un close sopra 14.000 darebbe uns conformazione di tenuta e inversione rialzista.