Con la volatilità che finalmente cede qualche punto vega sul front month (ma siamo ancora a 45% implicita sullo strike ATM (pari al valore attuale) per un prezzo che è previsto variare di quasi 3% al giorno, il fib disegna un ampio range in diminuzione di ampiezza.

15.060 – 14.000 – 14.730 (ritestata la resistenza precedente).

appena sopra questo livello resistenza orizzontale (ho semplicemente riportato i livelli di giovedì sul chart di oggi) in zona 14.750 – 14.830-860-910 e sopra il turn point  della candela di inversione sul 30 minuti a 15.050.

La notizia mesta del giorno è la morte di un genio, che a lungo ha combattuto contro la sua malattia. Steve Jobs, che i più giovani ricordano come il padre dell’ iphone e i più vecchi come l’uomo che inventò le finestre (si, microsoft ha copiato dall’ Apple Macintosh l’idea).

Sulla borsa vedremo dalle quotazioni future della Apple cosa succede quando finisce un era, quando si vedrà se l’eredità dell’uomo che ha cambiato la nostra vita con le sue idee rivoluzionarie avrà trovato degni eredi.

La seduta di oggi pare aprire in area 0.5- 1% sopra i prezzi di ieri dal preborsa tedesco, area quindi 14.800 / 14.900 giusto al centro della fascia di tenuta superiore della scorsa settimana.

La correlazione dax-stox-fib è aumentata sulla salita, il bund sta cedendo 137.00 ma ancora la volatilità è molto alta.

Come dicevamo, il blocco dello short selling rende inutile analizzare punti di short, per le prese di profitto di chi ha comprato nelle zone che indicavamo come obiettivi la scorsa settimana a 14.500 / 14.300 e 14.100

o venduto il dax in area 138.00 sull’apertura di stamattina è saggio prendere profitto ed attendere eventi, di questi tempi un 4% di rialzo abbondante è cosa rara.