Ognuno sta facendo del suo meglio per far scoppiare l’euro. L’ultimo in ordine di arrivo è stata la Signora Christine Lagarde che in una intervista al  Guardian ha espresso “poca simpatia per le pene dei greci che sono dei noti evasori fiscali”. Questo ha dato fiato alla sinistra greca che sta rimontando nei sondaggi proprio per la sua opposizione alle misure di austerità, tanto che ultimamente ha prodotto una bellissima proposta che potrebbe essere “made in Italy”: la Grecia rimane nell’euro ma non restituisce una lira a nessuno rinnegando tutti gli accordi di austerità. Una cosa che piacerà sicuramente alla Merkel. Il rischio è enorme sui mercati finanziari ed il grafico che riproduco qui sotto direttamente dai report riservati di Goldman Sachs è eloquente: nella immagine a si vede benissimo come il GS Financial Stess Index sia prossimo alla fascia superiore di non ritorno; nella immagine b lo US equity risk premium è sui massimi storici; nella immagine c lo US equity credit premium è sui massimi storici. E i dati sono di inizio maggio. Pensate voi cosa può succedere da oggi al 17 giugno.

Per maggiori informazioni www.algoritmica.pro