Nel precedente articolo abbiamo visto che con il Trading on Line (TOL) si ha la possibilità di acquistare e vendere un particolare strumento finanziario direttamente dalla propria postazione internet a casa, dall’ufficio o dal mobile.

Vediamo ora cosa occorre per effettuare una operazione di trading.

Come abbiamo visto eseguire una transazione finanziaria on-line è piuttosto semplice; altro ovviamente è scegliere lo strumento adatto, il corretto timing di entrata e, soprattutto, la direzione. Questioni sulle quali torneremo nello specifico nei prossimi articoli, tali argomenti costituendo il “cuore” di questo percorso che abbiamo appena iniziato insieme.

Gli strumenti necessari per eseguire una operazione di trading on-line sono davvero pochi: occorre naturalmente un pc (fisso o portatile), un monitor, una connessione ad internet e, naturalmente, un conto dedicato aperto con un broker specializzato. Non bisogna poi dimenticare di tenere sempre a portata di mano un telefono: in caso di emergenza potrete chiamare il broker e risolvere in breve il vostro problema.

Quella sotto è un esempio di postazione di trading che potrà forse sembrare un po’ artigianale, ma che mi sembra avere  tutto ciò che serve per non restare a piedi

Se sulla scelta del pc v’è poco da dire, quelli attualmente in commercio sono ormai tutti all’altezza di reggere il peso anche delle piattaforme di trading più complesse. Occorre solo verificare che abbia una buona dotazione di RAM (almeno 2 giga) e che sia quanto più silenzioso possibile. Un monitor o al massimo due da 22 pollici wide screen sono più che sufficienti per iniziare.

Un laptop (pc portatile) può essere utile (ma non necessario) nel caso vi sia una improvvisa interruzione di corrente: la sua batteria può trarci d’impaccio da una situazione imbarazzante. Situazione che, in mancanza di un portatile, può essere felicemente evitata con un semplice gruppo di continuità. Si tratta, per i meno avvezzi, di un attrezzo che all’occorrenza entra in funzione automaticamente garantendo la corrente elettrica ai nostri apparati per un certo periodo di tempo. Consentendoci così, da un lato, di porre in essere eventuali operazioni di emergenza sul mercato e, dall’altro lato, di evitare che i nostri pc (e relativi programmi) siano danneggiati da una improvvisa mancanza di corrente.

Merita un discorso a parte la scelta del broker che, oltre ad elaborare le nostre operazioni di trading online consentendoci di acquistare e vendere lo strumento finanziario prescelto, dovrà anche fornire una piattaforma di trading affidabile, con un tool di analisi grafica quanto più completo possibile, meglio se con notizie in tempo reale e aggiornamenti sui mercati finanziari.

Dedicheremo a questo argomento un apposito articolo.

Per quanto riguarda la connessione internet non v’è molto da dire: non bisogna però badare a spese, occorre assicurarsi una connessione che garantisca stabilità e velocità. A volte un mal funzionamento del collegamento internet può costare molto più di quanto abbiamo risparmiato scegliendo un fornitore con un servizio scadente.

Bruno Moltrasio