Continua la fase laterale del Fib che regge al ribasso in area 19.500. anche il Bund ha avuto il fiato corto e in attesa del voto greco si è riposizionato.

Difficile fare previsioni per domani, ma i dati americani e l’inflazione tengono secondo me più banco di una Grecia che ormai ha stancato anche sui giornali.

Gli aiuti arriveranno, los tato greco verrà ricattato e per riceverli  dovrà fare riforme impopolari.

Detto questo, l’america vende delle case , con un dato orrendo che vede le vendute meno in calo del previsto;  lo zew esce brutto e il mercato sale,  il fib riesce a rimettere la testa sopra i 20k e si posiziona a ridosso del muro a 20.200, mentre il bund rompe 126.15 e scende in test a 125.70.

Sotto c’e’ solo 125.40 a contenere le velleita’ rialziste di un titolo che ha rendimento reale nullo/negatuivo e resta alto solo per il fly to quality. dopo la mean reversiona  122.50 diventa preponderante.

il fib in caso di discesa decisa delle tensioni  ha parecchio spazio: 4-6% in spread da recuperare sul bund che lo farebbe rientrare al mid range a 21.000 e velleità di test a 21.500 su un eventuale (poco probabile) euforia.

mi chiedo se al mercato interessi ancora del voto greco o se ormai sia assodato che da sola la Grecia non ce la fa ed ha bisogno di aiuto. in quel caso stabilito che politica  a parte parliamo di importi risibili rispetto al debito per esempio italiano e ancora di piu’ americano (per importo) per non parlare di quello giapponese  (per percentuali), non si riscopra che alla fine della fiera la Grecia impatta per il 3% sull’unione monetaria e che le penalizzazioni dei corsi bancari sono eccessive.

Resto dell’idea che il fib debba salire almeno di un ulteriore 4 8% e il settore finance italiano potrebbe salire del 15/20% .

La volatilità delle opzioni è salita da tre sedute a questa parte malgrado il rimbalzo (proprio per il voto greco).

Se scende la tensione la volatilita’ implicita luglio potrebbe perdere circa 4 vega. oggi l’upside e’ rimasto biddato sui primi strike, mentre la skew in area 21.500 e superiori e’ scesa dando una buona idea di dove probailmente finira’ un eventuale rally.

Su un proseguimento del rally di oggi (possibile su schiarita greca) è da considerare di vendere un call spread delta neutrale 105 / 110% ai primi segni di perdita di velocità in quanto la vola e’ ancora alta.