Il grande Marc Faber, ritenuto uno dei piu’ seri analisti internazionali,ha fatttto un primo acquisto nel settore delle azioni aurifere dopo moltissimi anni di astinenza.
Faber da oltre un decennio consiglia l’investimento in metallo fisico. Ma ha saggiamente evitato le azioni aurifere. Mentre l’oro saliva fino a 1900 dollari l’oncia il rialzo dei titoli minerari auriferi è stato molto limitato. Al punto che gli analisti affermavano,quando l’oro tocco’ i massimi,che le azioni aurifere gia’ sottovalutate scontavano allora un prezzo dell’oro di 1300 dollari per oncia.
Ma non era finita. Quando l’oro inizio’ la sua discesa le quotazioni dei titoli auriferi scesero ancora di piu’ percentualmente.
Ora ,per esempio,Newmont Mining quota 32 dollari dopo un massimo di 60 dollari. Ma l’oro è sceso solo da 1900 a 1380 dollari pe roncia.
da moltissimi anni non si segnalava una così marcata sottovalutazione delle compagnie aurifere rispetto al prezzo del metallo.
Sulla base di queste considerazioni Marc Faber ha comperato Newmont Mining.-NEM a NY
Segnaliamo inoltre il dimezzamento di Novagold,-NG,che rappresenta per Faber una specie di warrant sul settore.Un’altra azione che merita di essere monitorata per gli amanti del settore.
Faber è noto per acquistare dove i prezzi sono bassi e vendere (come sta facendo da mesi nel settore azionario)dove le quotazioni sono elevate rispetto alle medie storiche.
Il suo intervento del settore delle compagnie aurifere è in controtendenza rispetto alle previsioni della maggior parte degli uffici studi delle banche. Ma la fama di contrarian di Marc Faber è sempre stata alimentata dalla sua decisione di non pagare troppo l’investimento. E i fatti gli hanno sempre dato ragione