L’esito dei NFP, pur avendo una differenza sostanziale tra il dato uscito, la previsione degli analisti e il dato precedente, non ha riportato nel mercato del forex una grossa volatilità e per il momento neppure troppe possibilità di ingressi veloci per operare. In realtà, come da tendenza degli ultimi periodi, il mercato ha si seguito l’esito, mostrando una veloce vendita di dollari, per andare subito dopo a riassorbire il movimento, riportando poi il prezzo nuovamente sui livelli antecedenti l’esito del dato economico. Anzi, è stato poi il successivo flusso di acquisti del biglietto a verde a farla da padrone e produrre il movimento più ampio e deciso.

Tutto questo significa che pur trovando in condizioni di ripresa delle valute europee contro il dollaro, il mercato ancora non è pronto e preferisce mantenere la linea pro USD a discapito di tutto. Possibile anche il fatto che sia ancora in atto, nei mercati finanziari, l’euforia per i buoni progressi ottenuti dall’economia americana nel secondo trimestre, andando a siglare un deciso più quattro percento, che potrebbe sicuramente invogliare agli investimenti azionari e nel mercato del forex.

Ora ci prepariamo per l’apertura di wall street che come prima mansione avrà la gestione di questo dato sui NFP e valutare il da farsi. Da settimana prossima invece si dovrà fare attenzione, sia per eurodollaro che per cable a vendite troppo azzardate per via delle situazioni tecniche e temporali che stiamo attraversando, ma non in un contesto così tirato sarebbe anche un errore tagliarle totalmente dall’operatività di mercato.

Per questa settimana è tutto.
Buon week end e a settimana prossima.

Lucas