FTSE MIB

I numeri indicano che in questa fase l’Italia è uno dei mercati piu’ interessanti e caldi: merita un approfondimento. L’indice è al rialzo su base mensile, mentre su base trimestrale (vedi i livelli già pubblicati, QUADRO RIEPILOGATIVO DEI LIVELLI – 4 APRILE 2011) è ancora in posizione neutra, con un segnale long a 23274, quindi non lontano. Le proiezioni del trimestre e dell’anno (Proiezioni di range 2Q 2011 – update Maggio) segnalano esattamente lo stesso livello di 23274 come primo target/resistenza, seguito dall’area 24000-24300. I supporti sono 21700 (tattico) e 21000-20800 (strategico!). La tabella sotto mostra i titoli dell’indice principale, con rating e situazione tecnica (RSI mensile e settimanale, forza relativa).

Italia – posizione e rating delle blue chips a inizio Maggio

Qualche osservazione che puo’ servire a leggere meglio la tabella. (A) meglio restare sui titoli forti, specie su quelli con rating piu’ elevato e non ipercomperati; (B) gli investitori istituzionali, quando entrano sul mercato italiano scelgono uno o due titoli fra quelli piu’ capitalizzati, di solito i piu’ forti, e insistono su quelli: inutile fare diversamente da loro;

ENIFiat

(C) ci sono diversi titoli, ovviamente fra quelli piu’ caldi, in doppio ipercomperato (= settimanale + mensile): qualche rischio a entrare su questi c’è; (D) ci sono invece un paio di banche, molto chiacchierate, in forte ipervenduto su vari livelli temporali: puo’ valere, con giudizio e tenendo conto che il mercato ha sempre ragione, il discorso opposto.