E così senza neanche accorgercene, siamo di nuovo ad Agosto, mese in cui la liquidità sui mercati diminuisce perché molti gestori e case d’affari chiudono i battenti o comunque riducono l’attività. E i pochi operatori che restano per così dire “sul pezzo” anche nell’ottavo mese dell’anno, come si comportano ? Semplice, attendono sulla riva del fiume, pazientemente, qualche buona occasione (soprattutto al ribasso) da poter sfruttare; sono le regole della speculazione finanziaria, termine spesso utilizzato dai media in senso cattivo e solo quando i mercati puntano ad una riduzione dei prezzi dei vari asset.

Analizzando brevemente la situazione attuale, ci accorgiamo che gl’indici azionari Usa sono ai massimi di tutti i tempi, addirittura sopra i livelli raggiunti con la bolla internet del 2000 e quella del credito facile del 2007, in territorio inesplorato, spinti dalla banche centrale che continua a rassicurare ad alta voce gli operatori sulla continuazione della stampa di moneta che va avanti ininterrotta da quattro anni.

SSSS ES

L’indice Vix, detto anche indice della paura, è sui minimi, a testimonianza del fatto che c’è molta sicurezza tra gli addetti ai lavori sul fatto che allo stato “nulla di drammatico può succedere”.

In Europa gli acquisti in borsa sono caratterizzati da maggiore cautela ma per l’Italia , nonostante i molteplici fattori negativi derivanti sia dalla congiuntura economica che dall’immobilismo del governo sui temi critici dell’economia, l’indice principale di borsa tiene bene , pur mantenendosi lontanissimo dai massimi.

SSSS FTMIB

Ciò che sorprende è la reazione alle vicende legate al capo del centro destra Berlusconi; dopo la condanna definitiva sancita dalla cassazione qualche giorno fa infatti, chi si aspettava un crollo di Borsa o dei titoli legati al debito sovrano e rimasto deluso. Il BTP infatti gode di ottima salute in questa fase e il rendimento continua a scendere approssimandosi al 4%, mentre addirittura dal governo fanno sapere di riunioni fiume per controllare conti dello Stato visti in miglioramento.

SSSS BTP

Siamo quindi quasi fuori dal tunnel ? Per niente , tutto come prima, se non peggio; anzi, non solo bisognerà monitorare con attenzione eventuali decreti su Imu e Iva che potrebbero essere ratificati intorno a ferragosto, ma anche qualche altra sorpresina in termini di ulteriori tasse, come vogliono lassù, a Bruxelles, dove da qualche anno si sfornano ricette anticrisi dagli effetti devastanti (vedi Grecia o Cipro), senza mai redimersi, neanche dopo averi visto i risultati.

Giorno dopo giorno, cresce la convinzione che forse l’attuale fase di melina in borsa e sul debito pubblico italiano, possa essere voluta dalla Germania, dove si vogliono evitare disturbi in vista dell’appuntamento elettorale previsto tra poche settimane. Un crollo dei Piigs proprio in questa fase, darebbe fiato agli oppositori della Merkel  per cui , salvo disastri improvvisi, l’ordine di scuderia per ora è: “facciamo finta che la situazione sia in miglioramento”. La svendita , per ora, è rimandata.