Inizio da Schicchi.

come 46enne lo ricordo per la sua attività di talent scout.

Senza di lui non avremmo conosciuto l’onorevole Ilona Staller (uno dei 20.000 voti con cui fu eletta nel 1987 era mio), e la mai abbastanza compianta Moana Pozzi.


Per Mario Monti, invece, ricorderemo il rigore e la serietà, che lo ha spinto a mio avviso in un parlamento di compromessi, a fare fino in fondo il suo dovere (la legge di stabilità che salverà dal debito le future generazioni anche a costo di maggiori costi per noi adesso) per poi lasciare.

Ora per la borsa

Il movimento era già iperestesso verso l’alto, sia sul BTP che sul FIB.

lo storno era già in corso, il supporto delle shadows (vedi articolo precedente) sotto 15.750 è stato violato e abbiamo testato 15.600 estendendolo leggermente.

Sotto abbiamo livelli di tenuta ogni 200 punti indice : 15400 15200 15000 e soprattutto 14900.


Leggevo stamattina il monologo del Riccardo terzo

Now is the winter of our discontent / Made glorious summer by this sun [or son] of York,”

Riflettendoci, è verametne l’inverno del nostro scontento.

Gli shopper natalizi girano senza borse per le strade fra negozi semideserti, la trediscesima è stata usata per fare dono al comune della seconda rata IMU e la parte che si è salvata è stata lasciata da parte per le bollette del Gas (questa settimana prosegue il gelo che avrà il piccco Giovedì o almeno così dicono).

Quanto all’estate gloriosa, beh, manca ancora un semestre,….. e le elezioni di Febbraio…….

Buon trading, mettere il caschetto da cantiere, oggi prevista pioggia di Fib e Btp.