Ecco, ne hanno fatta un’altra. Abbiamo un governo non eletto che continua ad emanare provvedimenti o inutili o addirittura dannosi per l’Italia, il paese che dovrebbe rappresentare e che invece è continuamente schiacciato verso il basso, sempre più giù, in un avvitamento che pare ormai inarrestabile.

In uno degli emendamenti della cosiddetta legge di stabilità, il governo stabilisce che i pagamenti dei canoni di locazione da oggi non potranno più essere effettuati in contanti perché è necessaria la tracciabilità della transazione. Motivo: dare una spallata all’evasione fiscale ! A sentire queste parole quasi ci si commuove per l’abnegazione e di chi ci governa  nel voler migliorare le condizioni economiche dell’italietta. Peccato che, come quasi sempre accade, ci sia puzza di bruciato e ve lo spiego con due semplici considerazioni:

A) Chi ha un regolare contratto registrato non ha bisogno di dimostrare un ben niente, perché sta di fatto adempiendo ad i suoi obblighi di legge, versando la tassa annuale (di registrazione) e pagando le tasse sui profitti derivanti dagli affitti.

B) Chi ha una locazione in nero, non avrà alcun interesse a far “emergere” le sue magagne imponendo all’inquilino il bonifico, quindi continuerà tranquillamente ad affittare in nero, fino a quando non sarà scoperto, non di certo attraverso la tracciabilità, dal momento che è invisibile.

Non entro nel merito delle difficoltà che in questo modo si creano ad un inquilino o un proprietario che è privo di un conto corrente perché ad esempio protestato, anche se questo sarebbe già un argomento più che valido, la realtà è che siamo alle solite, saranno danneggiati da questo provvedimento i cittadini  perbene che hanno sempre pagato tutte le tasse e continueranno a farlo a prescindere dall’incasso in contanti o tramite bonifico o vaglia.

E allora, qual è il vero scopo di quei geni che hanno ideato questa splendida novità ? Semplice: aiutare il sistema bancario a controllare ancor di più la maggior quantità possibile di moneta circolanteobiettivo è far si che i nostri soldi passino sempre attraverso transazioni bancarie,  con il risultato che ogni pagamento corrisponde ad un guadagno per il sistema e ad un impoverimento del privato cittadino.

100 Euro che passano di mano in maniera elettronica (attraverso banche o altri istituti di intermediazione dei pagamenti), diventano dopo 100 transazioni 55 euro. Avete capito bene, la nostra ricchezza si dimezza in poco tempo, a vantaggio degli intermediari che il governo non eletto ci impone di utilizzare. Non vi sembra la più subdola e imponente tassa occulta questa ?

La propaganda parla di lotta all’evasione aiutata dalla maggior parte dei media di regime e, purtroppo, molti italiani disinformati e dalla testa non pensante (la maggioranza), abboccano alla strategia di chi da un lato ha, con un tratto di penna, annullato la maxi evasione delle società che controllano il gioco d’azzardo nel nostro paese (slot machine) e dall’altro, continua imperterrito ad impoverirci.