Caso esemplare, visto che ne ho parlato soltanto pochi giorni fa (25/10 11:30 – La Donna di ghiaccio….) come titolo da tenere monitorato.
Scrivevo questo:

Ugo:
è da parecchi giorni, quasi un mese, in area 20 con i prezzi che, almeno per ora, non stanno violando i recenti minimi. Come vi ho spiegato, il fatto che Ugo sia basso, di per sé non significa che i prezzi abbiano finito di scendere ma che vale la pena iniziare a tenere monitorato il titolo.
Non si anticipa un eventuale long dell’oscillatore, allo stato attuale il segnale di acquisto entrerebbe a superamento delle TRE (!!!) EMA in area 4.3160. Per chi volesse comprare “leggermente” piu’ sicuro, sopra 4.40.
Quando si compra, si fissa SUBITO lo stop loss e per come lavoro io lo SL sarebbe a perdita di area 4 Euro.

Veramente un bel esempio di metodo e disciplina. L’amico Emilio mi direbbe di linkare questo scritto come “educativo” ma io non lo faro’! Ma me lo salvero’ per il libro che sto scrivendo. ;)

Comunque, l’importanza di un  metodo e soprattutto disciplina vi deve entrare in testa come fosse un testo sacro!!

Lo segnalavo come titolo da tenere monitorato ma scrivevo di NON anticipare eventuale segnale di buy.
Punto primo, perchè il permanere in area 20 (iper-venduto) non indica che sono buoni prezzi per comprare un titolo, un future, una valuta, una commodity ma indica che il trend in atto (nel caso di Fiat short) E’ FORTE!
Discorso analogo ed inverso, ovvio, nel caso Ugo fosse stato in area 80 (iper-comprato).

Punto secondo, la vicinanza alle tre EMA, imponeva, poi, di comprare soltanto a superamento delle stesse, fissando subito un eventale STOP LOSS. Non applicare stop loss, ci trasforma da speculatori a cassettisti!
Metodo e disciplina mi ha salvato da una gradevole perdita.
Chi mi conosce sa che io compro la forza e non la debolezza. Qualche punto percentuale lasciato agli altri molto spesso mi salva da loss.

Detto questo, vi segnalo cosa ho comprato questa mattina:
Generali ass: stop loss a perdita di area 11.80

Have a good day!