In questa analisi del mercato obbligazionario cerchiamo di offrire spunti per la pianificazione della gestione tattica del portafoglio in obbligazioni, in base alle attese su tassi e rendimenti. Il modo migliore per “leggere” e interpretare il mercato obbligazionario è certamente l’analisi della ZC-Yield Curve, ovvero la struttura a termine dei tassi d’interesse, e conseguentemente l’analisi dei tassi forward su Euribor, impliciti nella ZC-Yiled curve stessa.

L’attesa per la riunione della BCE in programma domani, giovedì 26 ottobre, condiziona chiaramente il mercato obbligazionario nel suo complesso, viste le attese su una pronuncia di Draghi in merito al Tapering. La riunione della BCE in settembre, si era chiusa con la “promessa” dell’annuncio sull’entità della riduzione del QE e in base alle dinamiche del mercato obbligazionario sembra probabile una riduzione degli acquisti mensili di obbligazioni del 50%, cioè da 60 Mld Euro a 30 Mld Euro, sino a settembre 2018.

Per altre analisi e previsioni sul mercato obbligazionario, e se vuoi leggere free la versione integrale dell’articolo, completo delle indicazioni strategiche per l’operatività sui portafogli, visita www.gdinvestimenti.it

Sotto questo profilo, ovviamente, sarà importante la comunicazione in merito alla strategia di reinvestimento dei bond in scadenza, soprattutto in ottica di programma di acquisto per il 2018. Infatti, è ben evidente come la BCE abbia sinora adottato un approccio molto graduale alla normalizzazione della politica monetaria, e di conseguenza il mercato è predisposto nel gradire strategie e comunicazioni lievemente accomodanti da parte della Banca Centrale. Pertanto, se è vero che i mercati sono preparati a toni moderati e ad un programma di acquisti dimezzato, il rischio di una reazione negativa – sia sul fronte azionario sia su quello obbligazionario – sono piuttosto bassi a patto che la BCE assecondi le attese del mercato. Più difficile invece valutare l’impatto sulla valuta europea, che probabilmente sarà più influenzata dal tono generale delle dichiarazioni di Draghi.

Va da sé che l’annullamento – o quanto meno il ridimensionamento – delle politiche monetarie accomodanti da parte delle Banche Centrali (globali), è di capitale importanza per l’andamento del mercato obbligazionario nel prossimo futuro: con i mercati azionari sui massimi e i premi per il Credit Risk ai minimi,  per evitare situazioni di instabilità le Banche Centrali dovranno rafforzare le proprie politiche monetarie. Lo scenario nel medio termine, quindi, vede tassi di interesse più elevati e quanto più ci si avvicinerà a una vera fine del QE tanto più la pressione sui prezzi aumenterà sul reddito fisso europeo.

Per altre analisi e previsioni sul mercato obbligazionario, e se vuoi leggere free la versione integrale dell’articolo, completo delle indicazioni strategiche per l’operatività sui portafogli, visita www.gdinvestimenti.it