Moleskine: ora che il mercato sembra ripartire bisogna pensare ai titoli redditizi e con momentum. Moleskine è uno di questi. Di seguito analizziamo la situazione di bilancio e tecnica di Moleskine.Segnaliamo di seguito un altro titolo molto interessante: MOLESKINE. A suo tempo un lettore mi chiese cosa ne pensavo ( di solito quando fanno così significa che sono pieni zeppi come degli ovetti di quel titolo) e io ne dissi male. E dissi male di Moleskine per una ragione semplicissima: tecnicamente era impostato al ribasso, benché a livello fondamentale fosse interessante. E’ stato da poco approvato il bilancio 2014 e i dati salienti di Moleskine sono i seguenti:

Fatturato 2014 +16,30%

Ebitda Margin +28,46%

ROE 2014 +18,55%

ROI 2014 +26,96 %

Clicca qui per iscriverti all’INDIPENDENTE DI BORSA

Benché io sia assolutamente un vecchio bacucco e faccia fatica a capire quello che fa Moleskine sembra che il pubblico non la pensi come me a giudicare dai dati aziendali. Moleskine vende de facto 3 tipi di prodotti: 1) taccuini e altri prodotti su carta 2) borse e valige per la mobilità 3) prodotti digitali.  Quindi alla fine ha ragione Moleskine e io posso andare al ricovero: se a vendere un brand come fan Moleskine si fanno queste performance ad esserne capaci lo dovremmo fare tutti e io per primo. Ma siccome non ne siamo capaci non lo facciamo. Bravi quindi quelli di Moleskine, un titolo che tecnicamente ha rotto la trendline decrescente di medio periodo e disegnato un bottom up di lungo periodo con volumi in aumento. Con flussi di cassa come questi Moleskine ha un fair value DCF di circa 2 euro e quindi Moleskine appare decisamente sottoquotato.

 PER I TITOLI SOTTILI CLICCA SU WWW.EMILIOTOMASINI.IT

Clicca qui per iscriverti all’INDIPENDENTE DI BORSA