Dopo le discese scorse finalmetne l’ipervenduto e il leggero distacco dal traino della Spagna oggi tentiamo il recupero

abbiamo visto in mattinata il secondo test dei livelli di tenuta che hanno retto ed innescato la reazione.

mentre il budn ancora veleggia sopra 140, ma appare molto ffaticato,

il dax rimbalza e il cambio eurodollaro tiene ancora 1.30

pare tutto pronto per una settimana di riposizionamento.

la’rea 14.600 / 15.000 resta il punto di caridne anche sul daily.

è fondmanetale risalire, almeno almeno a quota 14.600

i grafici mensili e settimanali non si possono guardare da tanto che sono brutti, ma siamo di fronte a questo punto o ad un doppio minimo in divergenza sul mesile o ad una zona di entropia che ci porta a stare fra 13.000 e 16.000 per altri 5 anni.

Io voto per il primo, anche a causa della ripresa evidente americana e delle forze riunite per sistemar ei conti europei.

i chart sotto mostrano i livelli tecnici, che sono semrpe gli stessi.

l’accelerazioen a rialzo della mattina se porta ad un colnsolidamento leggermetne superiore rimette in corsa l’ SP500 e a traino anche noi






Specialmente sul FIB e’ netto il punto di eventuale inversione rialzista.

sopra il 15.000 non ci sono praticametne ostacoli per il ritorno a 16.000

ed e’ di sicuro la zona piu’ importante sul grafico. Sull avolatilità scendono ancora le implicite segnalando una possibile ripresa dei corsi.

venerdi’ mattina alle 9.00 scadono le opzioni di Aprile sul FIB.

.