Nonostante il voto degli elettori Greci abbia scongiurato il pericolo di un uscita imminente dall‘Euro della Grecia, nel mercato non si sono placate le tensioni.

La nuova coalizione di governo greca ha infatti gia’ dichiarato che vorrà rinegoziare le condizioni imposte dall’unione europee(sul piano di rientro ) chiedendo almeno una dilazione di  altri 2 anni.

Inoltre la Spagna appare sempre piu’ schiacciata dai prestiti e dalla bolla immobiliare che miete vittime in continuazione.

Se pensiamo infatti che la banche spagnole hanno finanziato circa 300 mld di euro (30%) del pil sulle costruzioni di nuovi edifici ed il crollo dei prezzi  delle case non accenna a terminare, è facile immaginare che i guai ed i futuri interventi non sono ancora finiti.

Come se tutto questo non bastasse il fondo monetario ha dichiarato che l’euro zona è a rischio e le banche vanno salvate suggerendo di creare un accesso diretto per le stesse al fondo salva stati EfSf.

Risultera’ facile capire che in questo bailame non è proprio possibile avere una visione positiva sull esito della crisi. Le scadenze antro cui i leaders europei manifestano l’intenzione di risolverla  si susseguono, purtroppo pero’ passano i mesi e nulla viene risolto.

Nuove emissioni:

Nulla di interessante da segnalare questa settimana

PORTAFOGLIO MODELLO
Titolo

cedola

scadenza

rating

prezzo attuale

rendimento

divisa

Nokia

5.50%

04.02.2014

BB+

        96.00

8.20%

Eur

Fiat industrial

5.25%

11.05.2015

BB+

  101.30

4.71%

Eur

Lottomatica

5.375%

05.12.2016

BBB-

102.50

4.75%

Eur

Barry Callebaut

5.375%

15.06.2021

BBB-

110.50

3.97%

Eur

Amgen

5.375%

15.05.2043

A+

110.50

4.72%

Usd

Pemex perpetual

6.625%

perpetual

BBB

103.50

   6.40% *

Usd

* rendimento immediato