Sta arrivando il relief rally, abbiamo rotto 14.200 e 5.600

al momento le borse cozzano contro le resistenze a 14.400/ 14.500 e 5.660/5.670 di dax che erano limiti intraday della scorsa settimana.

il bund cede area 134.00 mentre reagisce il btp.

Il prestoto IMF che si paventava pare che non arrivi ma oggi l’umore e’ certamente migliore.

Oggi le banche fanno comprare titoli senza commissioni.

A mia nonna dettero un anello di ferro al posto di quello di nozze 70 anni fa per finanziare la patria,  L’ondata di orgoglio nazionale pare la stessa.

La gente comincia a dire per strada ma noi siamo un paese che non puo’ fallire, abbiamo ricchezza capacita’ ecc ecc.

Nella mia idea l’italia non defaulterà, dopo aver fatto scaricare in perdita ai vari fondi obbligazionari il BTP qualche grossa banca americana se ne comprera’ tonnellate e al rientro della crisi le rivendera’ al 15% di rimbalzo facendo il budget dell’anno.

nel frattempo rimarremo in range ancora, confermando magari l’area molto molto ampia fra 14.200 e 15.800 con piccole estensioni sopra e sotto che perdura da mesi.

Accontentiamoci quindi di vedere passato il primo livello a 14.200, ora ‘asticella del salto in alto del Fib e’ posta a 14.800 per la prossima prova.


Sul tasso fisso oggi stavo guardando un prodotto in particolare:

CTZ dec 12  ISIN  IT0004674369 che quota 93.50

6.50 / 93.50 = 6.90% di rendimento

Venerdì lo abbiamo inserito in uno dei fondi comprandolo a 92.90, notavo che il movimento di un titolo a un anno cosi’ ampio è verametne segno di tensione estrema, tenuto conto che il decennale sett 21 è salito di 1.2%.

Per chi ritiene che l’italia non possa defaultare, è un rendimento estremamente interessante per il tempo di impiego del capitale.