Matematica e finanza unite per sfondare con i trading system. Ma rimane la domanda: e’ possibile diventare un trader ? E’ una domanda non da poco, soprattutto in un settore che è nell’occhio del ciclone come quello della finanza. Eppure se ci si basa sulla statistica si possono avere delle possibilità di guadagnare, ovvero si sta dalla parte dei bottoni. In questa ottica i migliori corsi sono appunto quelli che si basano su informatica e statistica appunto perché le metodologie apprese possono essere verificate. In questa direzione va il corso ormai giunto alla dodicesima edizione di Algoritmica.PRO  (sito www.algoritmica.pro) una delle più note e stimate società di trading sistematico in Italia (http://www.algoritmica.pro/corsi/) che a partire dal mese di settembre e di ottobre lancia la prima versione “virtuale” del corso. “In effetti – spiega Andrea Angiolini, amministratore unico della società www.algoritmica.pro – le lezioni si svolgeranno per 6 mesi e vedranno appuntamenti on line settimanali con il sistema Citrix mentre si terranno a dicembre i due tradizionali corsi in aula. Il corso è diviso in 3 fasi: apprendimento di base preparatorio in modo da portare tutti i discenti allo stesso livello, formazione teorica, follow up pratico. Infatti noi pensiamo che la teoria distinta dalla pratica non abbia nessun senso e quindi vogliamo prendere per mano i discenti fino a farli operare direttamente armati di computer e formule statistiche. La prima cosa che ci chiedono è se daremo dei trading system efficaci: lo scopo del corso non è di apprendere a programmare bensì di apprendere a gestire un programmatore e a servirsi dei suoi servizi, quindi a scegliere ed affittare codici di trading systems di terzi. Questo è il nostro mestiere. E per questo il corso ha formato più di 120 trader e la maggior parte di questi oggi trada per conto proprio”. Il corso dura fino a febbraio 2014 ed è possibile iscriversi nei prossimi mesi su www.algoritmica.pro anche se è bene che chi è a digiuno completamente della materia non perda le prime lezioni.