Sento già il bellissimo rumore dei passi di tutta Triboo Media che arriva in Piazza Affari e sale le scale di Palazzo Mezzanotte. Un tripudio di colori, che già si scopre nel loro bellissimo logo, e di allegria che si vede sui visi simpatici e giovani (età media di Triboo: 29 anni) delle persone che operano nella società. La data prevista per la presentazione sul Mercato AIM Italia è il 7 marzo. Lascio ai giornalisti finanziari, che erano presenti ieri alla conferenza stampa, il compito di descrivere l’operazione con i numeri. Io tengo a raccontarvi qualcosina che riguarda Triboo Media e Letteradiborsa.it e vi spiego perché sono così affezionata a questa Azienda.

Un incontro di un anno fa

Sono arrivata negli uffici di Triboo Media per parlare di Letteradiborsa.it e ho scoperto che stavo nel posto giusto. Giusto per la voglia di nuovo, giusto perché non intendevano prendere il vecchiume dell’editoria e semplicemente renderlo un file elettronico da postare nel web, giusto perché si lavora in team, anzi in Triboo. Triboo Media vanta un tasso di innovazione tecnologica e un know digitale che sono un acceleratore di business sorprendente. E l’attività editoriale si basa sull’aggiornamento dei contenuti del portale Leonardo.it e sul coordinamento di tutto il network satellite di siti proprietari che non ha eguali nel panorama Media italiano per estensione e completezza. A completamento del network Leonardo.it, alcuni editori terzi gestiscono autonomamente i propri siti e le relative pagine. E vi dirò di più: secondo le ultime rilevazioni Audiweb, Triboo Media si posiziona come network verticale leader in Italia e secondo player nazionale per audience nei canali tematici di Finanza, Musica, Salute e Lifestyle. Ma tornando al mio incontro. Non eravamo seduti e schierati uno di fronte all’altro in una sala riunioni freddina. Eravamo davanti a una macchina del caffè automatica e in un’ambiente informale da Camera Cafè sorseggiavamo il nostro caffè. Mi Piace! E mentre io, la solita curiosa, mi guardavo in giro, notavo che al di là del corridoio c’era una vetrata con una bella palestra attrezzata. Mi piace! E poi saliamo una scala che ci porta verso altri uffici, ma gli uffici di Triboo sono tutti aperti e il vociare qui non è fastidioso: è aria di lavoro. Mi Piace! E mi sento come in Trading Library! E passiamo attraverso un finto buco da un ufficio all’altro, mi sembra di essere a Londra e non so perché. È una sensazione che mi piace. Si sentono le risate discrete e i commenti intelligenti delle persone che vicino a noi lavorano su progetti e su tecnologie. Tra queste, un ragazzo si stacca dal gruppo e si avvicina a noi. Me lo presentano: è Stefano Zilli. Lui è il signor Algoritmo che con un team di sviluppatori guida l’innovazione tecnologica con un software sofisticato in costante evoluzione che permette la creazione di campagne pubblicitarie in base agli obiettivi di comunicazione. Ma quanto è difficile stare al passo con voi? “Ma no Stella!”. E tutti sorridono. La tecnologia di Leonardo è al servizio dei lettori e per Letteradiborsa.it sarà tutto a portata di mano. “Tu (intendendo me) trova gli autori di prestigio”. Uscita da Triboo Media non stavo nella pelle! Ed è partito il progetto Finanza.Leonardo.it, la nostra Lettera di Borsa è diventata il canale della Finanza Operativa e i nostri Analisti sono diventati i Grandi Analisti. Adesso Triboo Media sta per partire all’attacco dei mercati e sono convinta che i giornali finanziari parleranno di questa bella Triboo.

Prima dei saluti desidero segnalarvi una piccola chicca regalata da Emilio Tomasini ai lettori di Trading Professionale, la nuova testata di aggiornamento pubblicata sul portale di Trading Library. Si tratta di un articolo dedicato alla valutazione e al pricing dei bond. In particolare, viene segnalato un bond a breve termine con interessanti margini di rivalutazione.

Grazie a Triboo Media e grazie ai nostri Grandi Autori.

Stella Boso