Egregi lettori,

è con piacere che  invito tutti a partecipare ad un incontro  di libero accesso che si terrà a Torino sabato  13 ottobre ( ore 9.00 – 14.00)  presso la facoltà di economia in  Corso Unione Sovietica 218 Bis.  L’argomento dell’incontro è “Finanza operativa e rischio consapevole” organizzato da Lettera di Borsa , rappresenta una delle tappe che porterà il tradesr’s tour  nelle principali città italiane. Evento che gode del patrocinio del comune di Torino.

In questo  intervento  voglio provare a illustrarvi quale è lo spirito dell’incontro, come è stato organizzato e quali finalità si pone in modo tale che ognuno di voi possa avere degli elementi di giudizio per decidere se  investire il proprio tempo di un sabato mattina  di ottobre per venirci a sentire.

Intanto iniziamo dal luogo, perché presso la facoltà di economia di Torino ?

Quando mesi fa l’amico Emilio Tomasini e Stella Boso  mi  chiesero  se volessi occuparmi dell’organizzazione della tappa del trader’s tour di Torino ho accettato molto volentieri l’incarico evidenziando da subito quale era la mia visione sulla spirito e la missione da dare alla  giornata dell’incontro.

Sappiamo che oggi la situazione economica è molto difficile   e che saremo chiamati come Paese nei prossimi mesi ad uno sforzo collettivo di responsabilità per cercare di mobilitare le migliori energie , idee , intelligenze.  L’università da sempre  rappresenta il luogo in cui   tutte queste energie si incontrano, ci sono i giovani studenti che sono il  futuro capitale intellettuale della nostra società, c’è il mondo accademico  e più in generale dell’insegnamento che rappresenta lo stock di conoscenza  accumulata dalla nostra società in secoli di ricerche e studi, c’è il mondo delle imprese e quindi  di chi tutti i giorni si scontra con gli aspetti operativi. Abbiamo capito  tutti che la soluzione dei nostri problemi stà nel creare un rapporto armonico tra queste forze.

Io in particolare sono molto grato alla facoltà di Economia  di Torino perché è il luogo  dove ho potuto  beneficiare di un insegnamento di altissima qualità  e in cui ancora oggi tra mille difficoltà di budget i responsabili dell’ateneo continuano a svolgere all’interno del settore pubblico in modo encomiabile  il loro lavoro permettendo alla nostra città di essere non seconda a nessuno in Italia sulla qualità dei laureati in economia. Il fatto che importanti professori di Torino  siano stati chiamati a rivestire ruoli chiave nel governo del paese è sicuramente, al di là di come uno la può pensare,  quanto meno un  riconoscimento di competenza in  materia.

Quale posto migliore  quindi, se non l’università, per organizzare un evento che ha contestualmente finalità didattiche e operative, un luogo che appartiene a tutti , professori, studenti, imprenditori e  investitori.

Per la condivisione di questo spirito  devo ringraziare  Emilio e Stella che mi hanno  sostenuto nel progetto ma anche e soprattutto    il preside della facoltà  di economia Sergio Bortolani che assieme al  responsabile dei rapporti con le imprese nonchè vice preside Paolo Biancone hanno aderito con  entusiasmo  all’iniziativa.

Faccio adesso una  breve panoramica  degli interventi dei relatori.

Il primo intervento è di Emilio Tomasini  che sicuramente  leggendo su questo blog conoscete già tutti.   Emilio lo conosco dal lontano 1996, abbiamo più volte lavorato assieme in questi anni e siamo stati per un periodo anche soci.  Oggi svolge molteplici attività al punto che sarebbe difficile e limitativo incastonarlo in un’unica categoria.  E’ un giornalista , è un trader,si occupa di didattica come professore a contratto nell’università di Bologna, è un imprenditore  ma soprattutto una persona che da sempre anticipa nel nostro settore gli eventi  ed è capace di trovarsi un passo avanti  rispetto alle dinamiche di mercato.  Ci parlerà di trading system, di come sceglierli in un ottica di creazione di portafoglio argomento che interesserà sicuramente tutti coloro che già si dilettano o verrebbero dilettarsi negli investimenti  collegati alla creazione di algoritmi e strategie computerizzate.

Si prosegue con Giovanni Cuniberti , professore a contratto presso la facoltà di economia di Torino e  consulente finanziario indipendente,  anche lui lo conosco personalmente da diversi anni, appassionato di finanza  da sempre si è dedicato alla ricerca di tecniche innovative di gestione del portafoglio.  Ci parlerà di come costruire un portafoglio obbligazionario e soprattutto di come controllarne  il rischio , sarà coadiuvato nell’esposizione da Gianluigi Cesano dello studio di consulenza  sudio G2C, esperto di analisi  fondamentale e di bilancio.

La giornata proseguirà poi con  gli interventi di due professionisti del mondo bancario  Vincenzo Tedeschi (banca Binck) e Paolo Dal Negro (Unicredit ) che ci illustreranno il primo  aspetti operativi collegati all’uso di piattaforme evolute di trading online, il secondo aspetti operativi collegati ai certificati , strumenti che stanno acquisendo quote di mercato crescenti  nei portafogli gestiti, consentendo di effettuare  investimenti molto sofisticati e personalizzati.

Per concludere avremo l’intervento di  Raimondo Marcialis di Zenit Sgr, una  delle poche  società di gestione del risparmio italiane indipendenti in cui il capitale è in mano al managment che ci illustrerà come  costruire e controllare il rischio su un portafoglio fondi. Anche Raimondo è una persona che conosco da più di 10 anni, che ha maturato delle  competenze specifiche sulle gestioni di tipo quantitativo,  un grande comunicatore e formatore in grado di effettuare interventi didattici mai banali.

Gli argomenti saranno quindi molto ampi e diversificati accomunati tutti da focus su aspetti  operativi e della gestione del rischio.

Chi volesse partecipare a questa  giornata di formazione free   deve preventivamente registrarsi a questo link

http://www.letteradiborsa.it/traders-tour-torino/