E in parte, ma solo in parte, vi capisco.

Per onestà intellettuale, la stessa che da sempre mi contraddistingue, vi diro’ che era parecchio tempo che non assistevo a reazioni come quella di ieri sera a seguito della decisione della Fed e accentuata durante la conferenza stampa di Bernie ( amichevolmente chiamato cosi’ dalla sottoscritta e non me ne voglia il capo della Fed! ).

Sono solita ricordarvi che certi eventi legati al mercato, quali la decisione della Fed o della Bce in materia di tassi (ma soprattutto le conferenze stampa che ne seguono), il compli-mese (pubblicazione mensili dello stato dell’economia Usa) possono causare su piu’ strumenti finanziari dei movimenti molto violenti e repentini. E che è quasi sempre buona norma, in questi frangenti, non avere posizioni in essere su strumenti derivati soprattutto se durante la giornata gli stessi si sono mossi in uno stretto trading range.

E cosi’ ieri sera, soprattutto sulle parole di Bernie il quale ha rassicurato che la politica di sostegno all’economia Usa proseguirà imperterrita (leggesi QE e allontanamento dello spettro Tapering che sarà un problema del futuro Presidente della Fed ), si è assistito a una reazione nevrastenica,  quello che in gergo viene chiamato panic buying. Tutti compravano tutto, indistintamente!

Forti movimenti al rialzi di tutte le asset class, dall’equity all’obbligazionario, all’euro passando per l’oro senza trascurare l’oil. Improvvisamente tutto è diventato Risk on.

E mentre assistevo a questa follia irrazionale, la mia parte perfida e acida mi faceva sorridere un pochino. Il perchè è presto detto: rileggendo i miei ultimi editoriali mi sono resa conto che è dal 3 settembre e dal mio webinar del 7 settembre che ripetevo “Attenzione perchè Ugo mi sta dando segnali di comprare mercati ed Euro….”. E non perchè io sia una strega (oddio!) ma perchè utilizzo un metodo! Un amico fidato, considerato che  ieri sera parecchio prima della Fed su piu’ derivati analizzati con time frame 15 e 30 minuti diceva long.

Chi avesse pensato che avrebbero dichiarato quando il QE sarebbe cessato vendendo in anticipo i mercati, beh, è stato prontamente e pesantemente castigato.

L’ego. L’unico e vero nostro nemico!

Wow!

Non sono solita scrivere questo tipo di editoriale ma oggi ne ho sentite davvero troppe e troppe grosse a giustificazione di ieri sera.

Vi lascio con una nota di insolita dolcezza: l’ italica borsetta!

Daily:

Last price 18032 +1.28%

Già da tre giorni le quotazioni si muovevano al di sopra dei massimi di agosto (17689) e oggi hanno superato l’importante soglia psicologica che è quota 18000. Ugo è ancora stabilmente long dal giorno evidenziato con la freccia rossa. Primo supporto identificabile è a quota 17700 e successivamente la ema verde ora a quota 17270.

ita

Weekly:

quella sottile linea rossa sempre piu’ vicina…..

wee